Daniel Home – vero spiritista o abile prestigiatore?

daniel douglas HomeSicuramente su Daniel Home (negli Stati Uniti si faceva chiamare Ium) saranno state scritte dozzine e dozzine di biografie, un fenomeno del genere deve essere necessariamente documentato e raccontato nei minimi dettagli… purtroppo non è così, si certo, libri su di lui ne sono stati scritti a bizzeffe, ma tutti raccontano la vita dello spiritista in modo molto sommario.

Per dovere di cronaca dobbiamo riferire che Daniel Home viene raccontato come un medium genuino, il quale, si fece mettere sotto controllo diverse volte e mai nessuno fu in grado di smascherarlo… in realtà come vedremo in seguito, le cose non furono proprio così.

Partiamo come sempre dagli inizi: Daniel Dunglas Home nacque in Scozia il 20 Marzo 1833, da una famiglia povera che viveva nell’indigenza più assoluta, avendo come supporto, anche due genitori totalmente alcolizzati; Daniel veniva picchiato regolarmente, spesso senza motivo, sia da suo padre che da sua madre.

All’età di nove anni, fu adottato dalla sorella di sua madre, che presa da compassione per il piccolo, che lo portò con se negli Stati Uniti, Home rimase in America fino al 1855.

Di lui si parla come un nobile (Daniel Home, a quanto pare, falsificò alcuni documenti del suo comune di nascita, risultato poi fratello di un nobile inglese), ma come avete potuto leggere poc’anzi, non era affatto un nobile, ne tantomeno una persona benestante.

Verso il 1850, a 17 anni il giovane Daniel Home cominciò ad interessarsi allo spiritismo, cominciando a raccontare in giro che due anni prima era riuscito a prevedere la morte di suo caro amico (storia assolutamente falsa).

Ed è proprio che a casa degli zii cominciarono a palesarsi i primi segnali dall’aldilà; rumori di passi, colpi che sembravano provenire dai muri, tavoli e mobili che si muovevano apparentemente da soli… bastava che Daniel fosse nelle vicinanze.

Sua zia spaventatissima da questo tipo di fenomeni, pensando che il nipote fosse impossessato dal demonio, lo cacciò  fuori di casa, lasciandolo vivere ai margini della strada… o almeno così lei credeva.

Proprio da quel momento Daniel Home cominciò a vivere di queste manifestazioni, e anche se non percepiva nessun tipo di compenso  per le sue sedute spiritiche, riuscì comunque a vivere  agiatamente grazie alla generosità delle persone che lo ospitavano.

Una delle prime persone che lo ospitò fu sua cugina, e da quel momento fu tutto un susseguirsi di eventi che cambiarono la propria vita. Come egli stesso racconta nei suoi libri autobiografici, non ebbe mai modo di farsi pagare, proprio perché credeva che certe doti andassero esercitate a beneficio di chi avesse bisogno… questo può essere vero da una parte, ma sappiamo anche con certezza, che Daniel Home non aveva alcun bisogno di essere pagato, proprio grazie alla generosità di chi lo ospitava, tanto che il famoso illusionista James Randi lo definì “un parassita straordinario”, e questo dice tutto J.

Il suo periodo negli Stati Uniti si potrebbe definire come inizio incoraggiate… fu proprio nella terra scoperta da Colombo che egli cominciò a farsi conoscere soprattutto dai ricchi e dai nobili, perché dovete sapere, questo per diritto di cronaca, che Home si esibiva solo ed esclusivamente per la ricca nobiltà, che non pagavano di certo le sue sedute, ma lo riempivano  di gioielli, regali, ospitate per lunghi mesi, senza ovviamente fargli pagare nessun tipo di retta; così Home ebbe a vivere nell’agiatezza senza doversi preoccupare di tutto il resto.

A quanto pare non fu mai smascherato durante le sedute spiritiche,  e molti testimoni, anche personaggi di tutto rispetto, erano pronti a giurare che il medium dava la possibilità a tutti quelli che partecipavano alle sue sedute di fare dei controlli approfonditi, nella stanza e sulla sua persona… ma diciamoci la verità, anche qui le cose non andavano proprio in questo modo.

Due persone che ebbero modo di parlare con la stampa, affermarono che Daniel Home avesse il totale controllo della seduta, era lui che decideva chi poteva rimanere e chi dovesse restare fuori per tutto l’esperimento.

Se nella stanza ci fossero state persone scettiche, che avessero potuto mettere in dubbio una qualsiasi cosa durante la seduta, Home, consigliato dal suo spirito guida, le avrebbe fatte allontanare, adducendo al fatto che l’esperimento sarebbe potuto non riuscire, così facendo teneva con se solo persone disposte a credere a tutto quello che diceva o faceva.

Mettiamo anche in conto che Daniel Home il 3 Ottobre nel 1866 ebbe a conoscere la signora Lyon, una ricca vedova che aveva ereditato un ingente patrimonio dal marito deceduto, il quale era nipote dell’ottavo conte di Strathmore.

La signora si mise in contatto con Home per chiedere se ci fosse stata la possibilità di mettersi in contatto con il marito scomparso, e ovviamente lo spiritista accettò di buon grado, comunicando che entro le 24 ore sarebbe arrivato un messaggio dal marito.

Cosa che effettivamente successe, il signor Home il giorno seguente si presentò di buon ora dalla signora Lyon, comunicando che il marito gli aveva comunicato che avrebbe voluto che Daniel venisse adottato dalla moglie e che si rendesse cura di lui e dei suoi bisogni materiali.

Da quel momento, anche forse un po’ troppo ingenuamente, la signora Lyon si occupò di tutte le necessità del figlio neo adottato… ma non vi sembra un po’ assurdo?

Le richieste dell’marito defunto tramite Home non cessarono, e dopo circa una settimana, Daniel Home comunicò alla sua amata madre di aver ricevuto un messaggio nel quale il defunto dichiarava che avrebbe dovuto versare al figlio un assegno di 24mila sterline (l’equivalente di un milione di euro attuali), cosa che la signora effettivamente fece…

Domanda da parte mia: non vi puzza un po’ di truffa questa cosa?

Le cose continuarono per molto tempo, lo spiritista continuava a farsi versare del danaro per ogni sua esigenza, piccola o grade che fosse, fino a che, sempre il marito defunto comunicò che tutti gli averi della ricca vedova dovevano essere intestati ad Home.

La vedova firmò il documento senza battere ciglio.

Un giovane avvocato, accortosi della truffa in corso, avvertì l’anziana vedova, dicendole che a parer suo non si sarebbe dovuta fidare di quell’individuo, ma la signora evidentemente aveva ancora bisogno di ulteriori conferme.

La Lyon si consultò anche con un’altra medim, che le confermò tutto quello che le aveva detto l’avvocato… trovatasi di fronte alla dura realtà, decise di denunciare Home, che si propose di restituirle le prime 30mila sterline, scusandosi di aver utilizzato gli altri soldi per acquistare una casa per la vecchia zia; la vedova rifiutò e Home fu arrestato prima di arrivare in Germania, luogo in cui aveva deciso di fuggire.

 

Tutto questo accadde il 21 Aprile del 1868, quando ormai era già da diversi anni in Inghilterra.

Fu un evento clamoroso sia a livello giudiziario che a livello medianico.

Il primo Maggio dello stesso anno il giudice sentenziò il caso, condannando Home al risarcimento di tutto il maltolto, cosa che prontamente fece grazie anche alla generosità dei suoi  amici…

Ammonendo la signora, facendogli presente che da quel momento in poi si sarebbe dovuta ravvedere nei riguardi dello spiritismo, e che non avrebbe dovuto più vivere di illusioni.

Questa storia mi ricorda un po’ il caso di Wanna Marchi, non trovate?

Ci sarebbe da scrivere un capitolo a parte su quello che Daniel Home fece negli anni successivi; cominciarono i primi esperimenti di levitazione, testimoni oculari infatti giurano di averlo visto volare all’interno della stanza, creando degli effetti sorprendenti…

Mi riservo di farlo in un prossimo futuro J

Gli ultimi anni della sua vita, il grande medium, come amava definirsi, sposò una ricca nobildonna, scemando piano piano i vari esperimenti, finché non smise del tutto e si godette “il meritato” riposo.

Avete notizie su Daniel Home? Avete letto i suoi libri? Potete dirmi qualcosa al riguardo? come sempre aspetto i vostri commenti.

 

Grazie !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *