#nav-search-form { padding: 7px 14px; height: 36px; display:none; }

Case infestate in Sicilia

Case infestate in SiciliaNegli articoli passati vi ho parlato di storie e di leggende di alcuni castelli siciliani, luoghi dove a molti di noi sarebbe piaciuto vivere almeno una volta nella vita. Un castello ha sempre il suo fascino. Se poi è anche abitato dai fantasmi…
Oggi invece vi parlerò di alcune case infestate in Sicilia, di leggende e testimonianze vere, situazioni da brivido e fenomeni poltergeist avvenuti in quella che noi da sempre crediamo possa essere un posto intimo e sicuro: la nostra casa.

Per farlo mi sposterò in una delle regioni più belle d’Italia…. oggi vi parlerò delle case infestate in Sicilia.

PALERMO

A Cefalù in provincia di Palermo in via Costa, si trova una casa, abbandonata ormai da diversi anni.

Non è conosciuta la sua storia né abbiamo interviste con i proprietari o con i possibili eredi, si sa solo che in quella casa (che sorge vicino ad un vecchio carcere) sia impossibile vivere per via delle stranezze avvenute e che, a detta di un ghost hunter, accadono ancora.

Il coraggioso in questione è il signor Franco Matassa che volle verificare di persona la fondatezza delle voci che circolavano attorno alla casa.

Ebbene, rimasto lì una notte,  e dopo aver sigillato le porte per essere sicuro di restare solo, egli sperimentò dei veri e propri fenomeni poltergeist!

Una sedia della cucina incomprensibilmente si spostò e così anche il letto. La temperatura si abbassò e il signor Matassa trovò i fogli con i suoi appunti sparsi sul pavimento della camera da letto dove dapprima si era rifugiato.

Un’esperienza che non dimenticherà tanto facilmente.

Un’altra casa infestata che desta molta curiosità si trova a Mondello, dal nome Villa Caboto.

Di villa Caboto si sa che fu costruita negli anni ’40, e dagli anni ’80 i proprietari non riescono a trovare acquirenti o affittuari. Chissà perché…

Le voci sono varie ma tutte concordanti nell’unica storia che vede nel secondo dopoguerra la presenza di soldati nella casa.

Alcuni affermano che la stessa, nel ’43, era adibita a bordello, dove andavano i soldati tedeschi rimasti in Sicilia, trucidati poi dai soldati americani mentre erano lì dentro.

Altri raccontano che i militari tedeschi ospiti della casa accesero una rissa tra di loro e si uccisero a vicenda.

Altri ancora narrano di prigionieri di guerra portati lì e torturati. Ma esiste anche la storia di una ragazza uccisa dal padre perché si era innamorata di un soldato…

Le testimonianze si basano perlopiù su apparizioni “strane” come ad esempio quelle che raccontano alcuni pescatori:

un’intera squadra di muratori intenti a fare la pausa pranzo che nel giro di 5 minuti SPARISCE;

un bambino che gira in triciclo per il cortile della villa; addirittura c’è chi vide una fontana zampillante, sparita il giorno dopo!

I più coraggiosi che si sono avventurati all’interno, riportano la terribile esperienza di essere stati picchiati da un fantasma e la sensazione che la cognizione del tempo lì dentro si modificasse.

E poi passi, singhiozzi, rumori notturni e luci a intermittenza all’interno della villa.

Una volta una ragazza passando lì davanti, cadde in trans e al risveglio raccontò agli amici di aver visto una vecchietta fuori dalla porta che le sorrideva e la invitava a entrare…

Ma le voci non finiscono qua, c’è chi addirittura afferma che la casa “cambi”…che si muova secondo una “sua” volontà!

CATANIA

A Catania, più precisamente nel quartiere Barriera del Bosco, alla fine di via Quartararo, esiste una palazzina dove succedono diverse cose “strane”.

Qualche anno fa il primo testimone si fece coraggio e raccontò la sua esperienza fatta da ragazzino.

Di notte porte e sportelli si aprivano da soli e alcuni oggetti si muovevano.

Era molto forte la sensazione di essere osservati e, cosa più terrificante, il testimone racconta di essere stato picchiato da mani invisibili.

Dopo pochissimo tempo la famiglia si trasferì altrove.

Un altro testimone che visse lì per due anni, confermò i fenomeni poltergeist nella sua abitazione.

Oltre a trovare sempre la porta d’ingresso socchiusa (nonostante fosse stata chiusa a chiave) e a vedere oggetti che schizzavano via come gettati in aria da una forza invisibile e mobili che vibravano come fossero scossi da un terremoto,  apparve anche il volto di un vecchio, ai piedi del proprio letto.

Dopo l’apparizione, comprensibilmente, andò via anche questa famiglia.

A Mascalucia, un paese a pochi chilometri da Catania, si trova una maestosa villa di 3 piani e 16 stanze dove, come vuole la leggenda, intorno al 1800, per ragioni sconosciute, si suicidò il barone che vi abitava.

Secondo la leggenda, chi occupa quella villa trova presto la morte.

Alcuni testimoni affermano di aver visto la sagoma di un bambino e di aver sentito un forte odore d’incenso.

Altri di aver udito lamenti e rumore di passi all’interno della villa; tutto però si verifica sempre dopo il tramonto.

Nei pressi della costruzione vi è la dimora dei giardinieri che lavorano lì da diverse generazioni.

A quanto pare la “maledizione” vale solo per chi vive dentro le mura della villa.

Gli attuali proprietari però sembra che non la temino, anzi dichiarano che a parte piccole anomalie come rumore di passi e mancanza improvvisa dell’energia elettrica, la villa risulta molto tranquilla…

Certo è che il luogo dove si trova non è dei più felici… Infatti proprio di fronte alla villa sorge il cimitero comunale di Mascalucia.

CALTANISSETTA

A Caltanissetta in via XX settembre esiste un’appartamento abbandonato dal quale certe sere si odono provenire strani rumori.

La sera del 15 luglio del 2014, i vicini decisero di chiamare il 113 per denunciare rumori di piatti rotti, porte sbattute, urla dirompenti…

Appena arrivati gli agenti intimarono ai presunti occupanti dell’appartamento di uscire, ma visto che non si sentiva più nessun rumore decisero di irrompervi.

La porta crollò facilmente ma gli agenti non trovarono nessuno…

All’uscita essi consigliarono ai vicini, che nel frattempo si erano radunati ai pressi dell’appartamento, di rivolgersi ad un sacerdote.

La vicenda è tutt’ora irrisolta in quanto non si è trovato il proprietario dell’appartamento il quale dovrà pagare le spese per un’eventuale (ma consigliato)esorcismo.

E intanto i fenomeni “rumorosi” continuano saltuariamente a manifestarsi.

Quelle che ho riportato in questo articolo sono solo i casi più famosi di case infestate In Sicilia.

Ma il più delle volte i “fantasmi” appaiono in tutta la Sicilia, come nella zona Spartà a Messina, dove una bambina in camicia da notte bianca si aggira per le strade incurante dei passanti.

Pare si tratti del fantasma di una bambina investita sulla statale una ventina di anni fa.

O come nella località Solarino, a Siracusa, dove in un vecchio ospedale, pare che appaino le sagome di un soldato e della sua infermiera, che sparirebbero dopo essersi baciati.

O della spettro nel museo di numismatica a Ortigia, sempre a Siracusa, il quale si aggira tranquillo fra le stanze di quella che era stata la sua casa.

E voi, conoscete un posto nella vostra zona degno di essere qualificato come “infestato”in queste zone? Quindi esistono case infestate in Sicilia? Pare proprio di si.

Potrebbe interessarti anche l’articolo che tratta i fantasmi di ville Sbertoli a Pistoia.

SCOPRI COSA POSSO FARE PER TE!

Foto articolo:
http://lecasedeifantasmi.blogspot.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *