Che cosa fare con i tarocchi?

Eccoci qua, arrivati ad un punto di non ritorno… che cosa fare con i tarocchi? Prevedere il futuro? Migliorare se stessi? Riuscire a comprendere il passato di una persona?
Si può fare di tutto un po’, certo, ma non è solo quello che si può fare, ma anche quello che non si deve fare.

Caro lettore, ti faccio un semplice esempio per farti capire la reale situazione che si è venuta a creare all’interno dei gruppi Facebook (e non solo).
Ormai il consultante (o la consultante, la maggior parte di questi sono donne) , sono a “caccia” della domanda gratuita.

Si, avete capito bene.

La cosiddetta conoscitiva, come la chiamano loro.

Innanzi tutto io chiedo a voi: conoscitiva è indice proprio di concerne alla conoscenza, nell’atto di conoscere l’altra persona…
Vedo spesso che molti mi chiedono: esegui la prima domanda conoscitiva?

E tu con una domanda riesci a capire come lavoro, come faccio le stese, che tecniche uso, quanti anni ho di esperienza e tante altre belle cose?
Perdonami, ma se hai questo dono, perché ti rivolgi a me?

Te lo dico io in modo netto e chiaro (non so se mai qualcuno è mai stato così esplicito con te, ma lo sarò io), tu cerchi la conoscitiva perché vuoi o almeno speri di vere un consulto gratis.

Forse perché non puoi spendere i soldi in queste “cazzate” (ma se dici così perché mi chiedi la gratuita?), perché magari hai famiglia e non vuoi spendere soldi in cose extra, o forse molto semplicemente non mi ritieni all’altezza di guadagnare qualcosa per il mio “lavoro”.

Perché di lavoro si tratta.

È bene che tu lo sappia.

Ho un’esperienza decennale sull’uso dei tarocchi, io, a differenza di altri, dimostro quello che dico, non parlo di fuffa, ma di testimonianze VERE che puoi trovare sia nel mio blog, sia nel mio profilo Facebook.

Il resto vien da se.

Vedo che molti utilizzano le carte napoletane per leggere i tarocchi (ma se leggono le napoletane non stanno leggendo i tarocchi, non vi torna?), per l’amor di Dio, nessuno vieta di leggere le napoletane, carte che tra l’altro io amo, ma NON dite che state facendo i tarocchi, perché non è affatto così.

Altra cosa che mi fa rimanere veramente basito, sono le cosiddette cacciatrici di domande gratuite (di cui parlavo poc’anzi), le quali, mica si accontentano di chiedere ad una persona sola… stanno tutto il giorno a fare LA STESSA DOMANDA a cento cartomanti… non importa chi legge le carte, basta avere una risposta da comparare alle altre…

MA ROBA DA MATTI.

Ovviamente se chiedono agli operatori: tornerà il mio ex? In base alle risposte daranno ragione a quelli che gli/le diranno di si… gioco forza.

Ragazzi, l’esoterismo, la simbologia delle carte e tutto quello che concerne la lettura dei tarocchi non funziona così.

Altro esempio: due giorni fa, verso le 11.00 del mattino, vedo una nuova utente del gruppo che dice: sto imparando a leggere le carte, qualcuno vuole provare a farmi qualche domanda?

La poveretta è stata letteralmente subissata…

E voi, piuttosto che pagare un consulto vi gettate a capofitto su chiunque dica di leggere le carte.

Che cosa pensate di ottenere? Cosa pensate di migliorare?
Il mio ex tornerà? Siete contente se qualcuno vi risponderà si? Ma poi, non vi chiedete: che cosa tornerà a fare? Vorrà stare solo con me? O vuole solo continuare a portarmi a letto? Sarà una relazione sana? Ha altre donne?
Etc etc etc.

A voi basta sapere che il vostro ex torni, il resto non conta, non è vero?

Altrimenti non si spiega tutta questa frenesia di fare la stessa domanda a settecento operatori.

Io lo dico sempre: scegliere un cartomante o un tarologo, farsi fare la stesa §(magari anche a pagamento) e poi aspettare.

Io ad esempio, se faccio una stesa ad una persona, chiedo sempre di aspettare poi almeno 15 giorni prima di farne un’altra.

Per due motivi: primo perché poi per la consultante diventerebbe una dipendenza, secondo perché dobbiamo necessariamente attendere un determinato periodo prima di fare le stesse domande ai tarocchi.

Per approfondire: la dipendenza ai tarocchi

Il consiglio che vi do io, e che spero voi ascolterete è quello di SMETTERE IMMEDIATAMENTE di fare le stesse domande a settordicimila persone.

Concentratevi su una, pagatela e fatevi seguire, cercando di approfondire la stessa domanda con migliaia di di sfumature, basta essere connessi con il proprio inconscio, e le domande arriveranno.

Cercate di capire non solo se lui o lei tornerà, ma perché si è allontanato, perché soprattutto tornerà da voi, se ha intenzioni serie, se è il caso di continuare la relazione con la stessa persona, se allontanarla o meno… e date meno retta a riti e rituali, la maggior parte delle volte servono solo a spillarvi soldi dal portafoglio.

Non dico che non funzionino, anche se qui ci sarebbe da aprire un capitolo a parte…

Per approfondire: Il rituale per la persona amata

Dico solo che in questo mondo esistono persone disoneste che per un solo rito ti farebbero spendere anche la mamma (son brutale lo so, ma non riesco a descrivere questa situazione in modo migliore).

I rituali funzionano, non costano poi molto, vanno saputi fare, ma soprattutto cerchiamo di capire chi è chi li esegue.

Ultima cosa: se state tutto il giorno a fare la stessa domanda a cento persone, chiedetevi anche perché la persona da voi amata si è allontanata.

Un motivo c’è sempre, basta guardare dentro se stessi.

Spero che leggendo questo articolo abbiate capito che cosa fare con i tarocchi.

Una volta per tutte.

Migliorate voi stesse, il resto arriverà da solo.

Per approfondire: Meditare in mindfulness 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *