Come interpretare la lettura dei tarocchi?

Come da titolo del post: come interpretare la lettura dei tarocchi?

Per essere chiari ed esaustivi dovremo con tutte le dovute cautele scrivere una vera e propria enciclopedia in merito.

Perché rispondere ad una domanda del genere in poche righe risulterebbe poco professionale e pretenzioso da parte mia, e questo non sarebbe corretto nei vostri confronti.

Cercherò di dare una risposta a questa domanda, pur sapendo di poter dimenticare molte cose e rischiando di non essere completamente esaustivo.

Ma prima di cominciare, hai già usufruito dei miei regali?

Se non lo hai fatto, clicca nel bottone sottostante e accaparrateli prima di subito, perché non so ancora quanto tempo li terrò in pagina gratuitamente.

Prima di continuare, scopri i regali che ho per te!

Bene.

Come interpretare la lettura dei tarocchi?

Allora, esistono diverse scuole di pensiero in merito.

Come dicevo in un articolo scritto un po’ di tempo fa, i tarocchi devono essere necessariamente imparati a memoria.

Per approfondire: come leggere i tarocchi.

E poi diciamoci la verità senza alcun giro di parole, per leggere le carte è necessaria una certa dose di sensibilità e intuizione.

Non ci credete? Male, perché questa è la dura realtà.

Certo, che se ci paragoniamo a qualche “scaltro” individuo che prende le carte, le stende e poi va a leggere il significato di ogni carta, proprio non ci siamo.

Non mi stancherò mai di dirlo, e quindi lo ripeterò:

Conoscere i tarocchi a memoria è fondamentale, come è fondamentale conoscere una lingua straniera.

AVETE PRESENTE QUANDO CONOSCETE UNA LINGUA STRANIERA?

Voi prendete un libro in inglese ad esempio, leggete e traducete in simultanea.

Se conoscete i tarocchi a memoria, succederà la stessa cosa, ve lo posso assicurare.

Anche se una certa dose di sensibilità non guasta mai.

Ecco quello che succede a me:

Quando faccio una stesa, generalmente, appena finito di stendere le carte, mi cominciano ad arrivare una serie di immagini in mente, come se, il mio inconscio mi stesse raccontando la storia di quella persona, e al 99% le carte mi stanno dicendo la verità.

Non lo dico io, ma numerose testimonianze che mi hanno rilasciato all’interno di questo blog.

Dove si leggono i tarocchi?

Le carte hanno una loro anima, e come tale va nutrita e rispettata

Per approfondire: come e quando purificare i tarocchi.

Quando decidete di realizzare una lettura dei tarocchi per un amico, cliente o qualsiasi cosa vogliate, dovete avere un luogo su cui fare affidamento.

Vi consiglio caldamente di utilizzare sempre lo stesso, tutte le volte che lavorate con le carte.

Il luogo deve essere tranquillo, confortevole, pulito, ma soprattutto silenzioso.

I tarocchi non si leggono in mezzo al caos, è controproducente e irrispettoso nei loro confronti.

Io ad esempio, appena inizia la primavera prendo la macchina e mi reco in un luogo non molto distante da casa mia, in mezzo al bosco, dove con tutta tranquillità gestisco i consulti della giornata.

Generalmente questo succede al mattino, quando la mente è fresca e l’aria più pulita.

Niente luci troppo forti o troppo basse, possibilmente utilizzate luci naturali e non neon o lampadine (io sto parlando della giornata), se però operate di notte, una luce soffusa può bastare, purché vi dia la possibilità di consultare le carte senza alcuna fatica e senza farvi sforzare gli gli occhi.

Anche il colore del tavolino può fare la differenza.

Niente contrasti troppo forti, vi annebbierebbero la vista, creandovi non poche difficoltà.

Come interpretare la lettura dei tarocchi?

Adesso lo sapete, ci vuole una dose massiccia di studio, ma tanto studio, non pensate di potervela cavare con un paio di mesi.

Realizzare stese per se stessi e per gli altri, oltre ad essere un piacere deve essere anche un modo per far si che il mondo diventi un posto migliore, dove voi, a modo vostro, possiate dare un contributo facendo felici le altre persone, e questo con le carte è veramente possibile.

Trovatevi un luogo tranquillo dove studiare, cercate di entrare in contatto sia con il vostro io che con le carte, sono certo che con la pratica e il metodo vi si aprirà un modo.

E anche se siete scettici, un giorno penserete: quanto mi sbagliato!

E voi alla domanda: Come interpretare la lettura dei tarocchi?

Che cosa rispondete?

P.S Ho un gruppo su Facebook, dove di tanto in tanto rispondo a qualche domanda, clicca qui per accedervi!

 

 

 

 

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *