I fantasmi esistono?

Come ben sapete, oltre ad occuparmi di Tarocchi e tutto quello che riguarda l’esoterismo in generale (si, con la t maiuscola), sono stato e sono tutt’ora Presidente di un’associazione che si occupa di ricerca psichica e paranormale (evito di scrivere il nome dell’associazione perché non mi va di fare pubblicità in questo blog).

Perché ho iniziato a occuparmi di ricerca psichica e del paranormale?

Perché come milioni di persone mi sono sempre fatto questa domanda:

I fantasmi esistono?

Il discorso sarebbe molto lungo da spiegare, cercherò solo di fare un breve sunto per quanto riguarda le mie esperienze sul campo, anche perché, a differenza di molti che ne parlano o ne scrivono, il sottoscritto ha almeno 10 anni di esperienza sul campo.

Avendo lavorato con i maggior gruppi di ricerca in Italia.

E perché il sottoscritto ha organizzato il primo stage di Ghost-Hunting a Nepi.

Basta cercare in rete e troverete tutto quello che vi sto narrando 😊

Date un’occhiata alla mia pagina chi sono.

Insomma, i fantasmi esistono?

Ora se andassimo a pensare al fantasma col lenzuolo bianco in testa saremo completamente fuori strada…

Oltretutto se abbiamo visto qualche film che tratta l’argomento, potrei dirvi con assoluta sincerità che le immagini contenuti in essi sono completamente fuorvianti.

Non dovete certo immaginarvi il fantasma che vi appare e vi impaurisce per poi rintanarsi da dove è tornato, niente di più sbagliato.

Il fantasma, o detto più correttamente entità, è una sorta di energia che in qualche modo tenta di comunicare con noi, e lo fa, in base al luogo, agli strumenti e alla voglia che abbiamo di metterci in contatto con loro.

Avere una transcomunicazione con un’entità non è facilissimo, ma non impossibile, richiede semplicemente un po’ di studio, attenzione e qualche piccolo esercizio da fare su noi stessi per raggiungere un livello di consapevolezza superiore.

Per approfondire: Come meditare in mindfulness?

Se mi doveste fare la fatidica domanda: i fantasmi esistono?

Io, con tutta naturalezza vi risponderei: si

Ne ho le prove.

Migliaia di ore di registrazioni audio/video, dimostrano senza alcuna incertezza, che esiste un mondo parallelo accanto al nostro, dove le anime delle persone defunte “vivono” con la speranza di venire in contatto con noi.

Credetemi, è proprio così.

Che consa ci consiglieresti per iniziare questa attività di ricerca?

Innanzi tutto dovreste capire il perché vorreste iniziare una ricerca psichica… il tutto deve partire dal nostro io interiore, quando avremo capito le motivazioni, saremo pronti a partire per il meglio.

Poi ragazzi, a dir la verità, sono necessarie svariate ore di studio.

Siete disposti a sopportare tutto questo?

Non fate come la maggior parte dei gruppi di ricerca improvvisati che si muniscono di k2 e cominciano a frequentare luoghi abbandonati, alla ricerca di chissà cosa.

La ricerca psichica è una cosa molto seria, abbiatene cura e otterrete risultati insperati.

I fantasmi esistono?

Si, ma come dicevo poc’anzi, chiamarli fantasmi è un termine riduttivo, soprattutto cinematografico.

Il termite esatto e più appropriato sarebbe “energie sottili”.

Come fanno queste energie sottili a venire in contatto con noi?

Le entità hanno bisogno a loro volta di energie per potersi palesare, e in base a quella che ricevono possono manifestarsi in vari modi.

Avete presente la meta visione?

Per approfondire: Acquista il mio E-book sulla metavisione

La metafonia?

Sono tutte tecniche che prevedono che l’operatore faccia in qualche modo del “rumore bianco”, ecco, quello è uno dei tanti modi per dare energia alle entità paranormali.

Ma come detto prima, dovrete innanzi tutto fare un grosso lavoro su voi stessi, dandovi la possibilità di migliorare a livello spirituale.

Come faccio a lavorare su me stesso?

Esistono tante tecniche, una di queste, che ti consiglio di fare almeno una volta al giorno, per almeno 21 giorni, è un esercizio di rilassamento da me scritto, recitato e registrato, che puoi trovare gratuitamente sul mio canale you tube.

E poi meditazione, tanta meditazione, fino allo sfinimento.

Ti sembro esagerato? Credimi non lo sono affatto, anzi, a volte sminuisco per non appesantirvi troppo.

Realizzare una ricerca ben fatta significa innanzi tutto cambiare noi stessi, nel modo di pensare, nel modo di amare e nel mondo in cui dovremo approcciarsi  a questo genere di cose.

Spesso si è scettici, e credetemi, la cosa non aiuta affatto.

Non dico che una persona non debba essere scettica, ma dovrebbe comunque avere l’intelligenza di possedere una mente aperta, cercando di non negarsi delle possibilità che vanno ben oltre il modo di pensare…

Se qualche volta avete avuto a che fare con qualcuno del C.I.C.A.P. vi sarete resi conto, che chi ne fa parte, vi negherà a prescindere la possibilità che esista un mondo parallelo al nostro, e automaticamente cercherà in tutti i modi di convincervi.

Come dice un mio amico nigeriano a cui voglio molto bene: no buono così.

I fantasmi esistono? Si, ma dovete essere voi i primi a crederci.

Ultima cosa ma non meno importante, quando andiamo a realizzare un qualsiasi esperimento paranormale, è necessario avere il massimo rispetto per le anime, che ci si creda o no.

Parliamo di persone decedute e non di noccioline.

Per adesso è tutto, aspetto i vostri commenti qua sotto, augurandovi una bellissima e fortunata ricerca in tal proposito.

E ricordate, migliorate voi stessi e avrete dei grandissimi risultati, su tutti i fronti della vostra vita, ricerca psichica compresa.

Per approfondire: Tecniche di E.F.T.

Provare per credere amici!

Se pensate che possa aiutarvi in qualche modo, contatttemi attraverso la pagina dei contatti, magari avete bisogno di una lettura professionale dei tarocchi, in tal caso, cliccate qui e sarete indirizzati alla pagina dedicata.

Un abbraccio

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *