Poltergeist di Rosenheim

Avevo già parlato sul mio canale You tube (dove vi consiglio di iscrivervi per rimanere sempre aggiornati) di un altro famoso poltergeist inglese; e adesso, facendo delle ricerche in rete, mi sono accorto che quello di Enfield non è l’unico caso documentato… esiste anche il poltergeist di Rosenheim.

Siamo a Rosenheim, una piccola cittadina dell’alta Baviera (in Germania), l’anno è il 1967, nel mese di novembre.

Sembra tutto tranquillo in città, ma un giovane avvocato, tale Sigmund Adam, lamenta attraverso le compagnie interessate all’epoca, di alcuni strani fenomeni verificatesi nel proprio ufficio di rappresentanza.

I fenomeni paranormali erano evidenti, le luci si accendevano e si spegnevano in totale autonomia, le lampade al neon si bruciavano o addirittura si svitavano da sole, e tutto questo apparentemente senza nessun apporto umano.

La cosa più strana, erano i telefoni che squillavano oltre 40 volte al giorno, ovviamente senza che nessuno facesse chiamate o dovesse riceverne.

All’inizio l’avvocato pensò a fenomeni naturali come gli sbalzi di tensione, tesi che fu confermata da alcuni tecnici che constatarono enormi deflessioni nel circuito elettrico.

Purtroppo, anche dopo aver sostituito l’impianto elettrico, ed aver installato un generatore autonomo, i fenomeni paranormali all’interno dell’ufficio continuarono senza alcun problema.

La compagnia telefonica, dopo accurate ricerche per la soluzione del mistero, non riuscirono a capire il motivo degli squilli, senza che nessuno toccasse i telefoni.

L’avvocato decise di indagare a fondo, e quindi si rivolse ad un istituto universitario di Friburgo, e nella fattispecie nella persona del Dott. Hans Bender, che si recò personalmente nello studio dell’avvocato tedesco.

Lo spettacolo a cui assistette fu realmente impressionante; raccontò di aver visto ad una specie di “danza” dii lampadari e quadri, che oltre a muoversi come se ci fosse un terremoto, roteavano anche su se stessi.

Si decise quindi, di monitorare il tutto con un videoregistratore; e grazie ad esso, si poterono scattare centinaia di foto, e per la prima volta nella storia del paranormale, si riuscì a filmare un fenomeno poltergeist.

I cassetti dei mobili si aprivano da soli, molto mobili si spostavano, ma soprattutto, una grande libreria dal peso di 400 libbre si spostò per oltre venti centimetri dal muro.

Per approfondire: Il caso di Anneleise Michel

Possibile cause del Poltergeist di Rosenheim

Una cosa molto importante fu notata proprio dal Dott.Bender che studiò minuziosamente la situazione; i fenomeni paranormali avvenivano quasi ed esclusivamente durante gli orari di ufficio, dopo le 18, erano quasi inesistenti; ma la cosa che lo colpì più di tutti, fu quella che tali anomalie si palesassero specialmente quando era presente una giovane impiegata di 19 anni, Annemarie Schabel.

L’Istituto di Fisica dell’Università di Monaco e le Poste federali furono convocati per controlli e perizie, ma i tecnici non riuscirono a trovare nulla di anomalo. Ogni possibile ipotesi dovette essere abbandonata.

L’ufficio venne tenuto sotto controllo per parecchi mesi, ma i fenomeni apparentemente inspiegabili, cessarono proprio quando Annemarie (questo era il nome dell’impiegata) lasciò il proprio posto di lavoro.

La ragazza fu messa sotto esame, e i risultati furono sconcertanti: «… labilità psichica, elevata eccitabilità, bassa tolleranza alle frustrazioni

Si constatò quindi che gli incidenti avvenivano proprio quando Annemarie era disturbata emotivamente(sembrava avesse delle turbe psichiche). Ella non era contenta del proprio lavoro e nel tardo pomeriggio, quando avveniva la maggior parte delle numerose chiamate telefoniche, era disperatamente ansiosa di tornare a casa.

(Da Wikipedia)

Molti anni più tardi, il fisico Friedbert Karger dichiarò: «Ciò che vedemmo a Rosenheim non può assolutamente essere spiegato sulla base della fisica a noi nota»].

Il poltergeist di Rosenheim è oggi molto contestato. Mentre alcuni lo dichiarano una prova schiacciante dell’esistenza del paranormale, i critici lo considerano un abbaglio o un inganno.

Potrebbe interessarti: Bobby Mackey’s un luogo spaventoso

RICORDATEVI DI ISCRIVERMI AL MIO CANALE YOUTUBE!

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *