Salvatore Vinci a Saragozza? Intervista audio con Davide Cannella

salvatore vinciIn questo ultimo periodo è tornato alla ribalta sulle cronache nazionali Salvatore Vinci. Ne parlo con cognizione di causa semplicemente perché, per molti anni, mi sono occupato della vicenda (come ricercatore autonomo intendiamoci), per riuscire, se mai fosse possibile, ad avere le idee più chiare…

impresa ardua se non impossibile. Detto ciò, vorrei tornare all’argomento principe di questo piccolo post, piccolo perché, a fine articolo

troverete un’intervista audio che ho fatto a Davide Cannella, il quale, pochi giorni fa, si è recato a Saragozza sulle tracce di Salvatore Vinci.
Infatti non molto tempo fa, Salvatore Vinci fu segnalato proprio in terra ispanica, precisamente a Saragozza.

E davide Cannella non se lo è fatto ripetere due volte, ha preso l’aereo ed è partito per la Spagna.

Per chi non conoscesse Vinci, ricordo che fu uno degli imputati per l’omicidio di Barbara Locci e Antonio Lo Bianco a Castelletti di Signa, nel 1968, ma per dovere di cronaca, dobbiamo anche riferire che Salvatore Vinci fu scagionato da tutte le accuse, anche se, in molti pensano che probabilmente lui ne fu coinvolto in pieno…

Il quale a detta di molti, è il primo omicidio del Mostro di Firenze.

Noi però dobbiamo attenerci alle carte processuali, come è giusto che sia.

In questa intervista, Davide Cannella, presidente e proprietario della Falco Investigazioni con sede a Lucca, ci racconta brevemente la storia del sardo, dagli inizia nel 68 fino ad arrivare ai nostri giorni, giorni in cui, sembra di avere a che fare con un fantasma…

Si perché a quanto pare, tutti sanno dove si trova ma nessuno lo ha mai visto.

Ma se veramente Salvatore Vinci Fosse morto e riposasse in pace? Qualcuno ci ha mai pensato?

Nell’audio che ascolterete, il buon Davide ci mette a conoscenza che anche Antonio, il figlio di Salvatore è alla ricerca del padre, indi per cui, secondo l’investigatore privato, il sardo sarebbe ancora vivo e vegeto da qualche parte nel mondo.

Non mi resta che augurarvi un buon ascolto.

Anche per oggi è tutto.

Aspetto la tua opinione nei commenti del blog 🙂

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *